La Camminata al lago di Caldaro per chiedere un’agricoltura più sostenibile

Un’agricoltura più sostenibile e diversificata.
Lo hanno chiesto i partecipanti alla camminata del 30 maggio intorno al lago di Caldaro per lo stop all’utilizzo dei pesticidi in agricoltura.
Una cinquantina di persone venute da Val Venosta, Merano, Bolzano, Bassa Atesina e Trento.

Il Trentino-Alto Adige ha la più elevata distribuzione di principi attivi di pesticidi per ettaro in Italia. 45,7 chili, oltre sette volte la media nazionale di sei chili per ettaro.

Un record negativo strettamente legato alle monocolture del melo e della vite.
La presenza su vaste estensioni di un’unica coltura favorisce la diffusione di insetti dannosi e costringe gli agricoltori ad un maggiore utilizzo di pesticidi.

L’uso di questi prodotti può comportare rischi per la salute e per l’ambiente.

Ognuno però, può fare la sua parte: rinunciare a prodotti coltivati con sostanze chimiche e scegliere il biologico. Gli agricoltori dovrebbero essere maggiormente sostenuti e incoraggiati a passare all’agricoltura biologica.

Dopo lo stop causa Covid dell’anno scorso, la manifestazione è alla sua terza edizione. In contemporanea si è svolta anche in altre località italiane, come Verona, Pordenone e a Follina, in provincia di  Treviso.

 Alcune immagini della giornata:

https://photos.app.goo.gl/Jt9gN2rGJQWQbcL77

Il servizio sul TG Regionale

Il servizio su AltoAdige TV

https://fb.watch/5PsE5BIWz9/

____________________________________________________________________________________

Questa voce è stata pubblicata in AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE, TERRITORIO. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...