Con la tua firma puoi aiutare le api

Ti sei mai chiesto cosa puoi fare per aiutare le api?

1) Dai loro acqua in mangiatoie poco profonde. Non dimenticare di aggiungere dei sassolini, in modo che le api non anneghino.

2) Crea un „hotel“ per api e altri insetti. Assicurati che il materiale sia adatto e che i fori siano della giusta dimensione.

3) Quando fai la spesa scegli prodotti biologici, coltivati senza diserbanti e pesticidi chimici

3) E soprattutto: Firma la nostra iniziativa per salvare le api e agricoltori!

“Salviamo api e apicoltori”                             

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Uccisa un’aquila reale in un nido

L'immagine può contenere: uccello

Purtroppo in Alto Adige accade anche questo. È stata uccisa un’aquila reale per motivi economici. Entrava in competizione con i cacciatori, che vendono ad altri cacciatori le uccisioni di caprioli e camosci. L’aquila, nutrendosi di ungulati, avrebbe ridotto i loro guadagni.

L’articolo sul Quotidiano Alto Adige

Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

La Giornata Stop Pesticidi

immagine Giornata Stop Pesticidi 24.05.2020

Quest’anno, a causa dell’emergenza Coronavirus, non si svolgerà la “Marcia Stop Pesticidi” che negli anni scorsi in Trentino Alto Adige ha visto la partecipazione di centinaia di persone al lago di Caldaro e a Trento. Domenica 24 maggio si volgerà comunque, anche in altre regioni italiane, la Giornata STOP Pesticidi. Scopo dell’evento, sostenuto da numerose associazioni e da singoli cittadini, è di portare all’attenzione ed informare, attraverso filmati, articoli sulla stampa e videoconferenze, sugli effetti negativi delle monocolture e dei pesticidi chimici impiegati nella produzione del cibo che arriva sulle nostre tavole.

Anche nel 2018, il Trentino Alto Adige si conferma purtroppo la regione italiana con la maggiore vendita di pesticidi in rapporto alla superficie. Secondo i dati ISTAT relativi al 2018, le sostanze distribuite sono state 45,7 kg/ettaro, contro una media nazionale di 6 kg/ettaro. Una quantità superiore a ben sette volte la media nazionale.

Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

E’ stata riaperta caccia in Alto Adige. Nel 2018, con il sostegno della Provincia di Bolzano, i cacciatori hanno ucciso 28.166 animali selvatici.

Esami in Alto Adige, superata quota 6mila cacciatori nel 2018 ...

Via libera alla stagione venatoria, è il titolo del comunicato dell’Associazione cacciatori Alto Adige, datato 8 maggio 2020. Dopo l’emergenza Coronavirus, anche in Alto Adige è stata quindi riaperta la caccia. L’attività venatoria durerà quasi 9 mesi, fino al 31 gennaio 2021.

Dall’ 8 maggio possono essere uccisi caprioli e cervi, giovani e femmine. Ad agosto aprirà la caccia al camoscio. Seguiranno a settembre e ottobre le altre specie: cinghiale, daino, muflone, volpe, lepre comune e lepre alpina tra i mammiferi, oltre a numerose specie di uccelli.

Ogni anno, in Alto Adige, la caccia viene praticata con il sostegno della provincia di Bolzano, che eroga ai cacciatori generosi contributi pubblici, oltre ad aver creato una legge provinciale che consente di sparare anche a specie animali in declino, agli animali selvatici durante il periodo della riproduzione, e all’interno dei Parchi naturali.

 

I dati degli animali uccisi nel 2019 non sono ancora stati diffusi dalla provincia. Al momento sono disponibili quelli relativi al 2018. Sono stati pubblicati dal quotidiano di lingua tedesca Tageszeitung. Nel 2018 sono stati uccisi 28.166 animali selvatici, di cui 7.772 caprioli, 3.277 camosci , 3.538 cervi, 26 stambecchi (specie protetta a livello nazionale), 1.538 marmotte (specie protetta a livello nazionale), 2.116 lepri comuni, 336 lepri alpine (specie minacciata dai cambiamenti climatici), 2.104 volpi, 268 galli forcelli, 24 coturnici, 169 pernici bianche (specie fortemente minacciata dai cambiamenti climatici), 2 fagiani, 102 tortore dal collare, 625 germani reali, 2 anatre marzaiole, 4 alzavole, 2 folaghe, 360 beccacce, 1.855 merli, 2.481 cesene, 227 tordi, 408 cornacchie, 822 ghiandaie e 104 gazze.

La provincia di Bolzano non fornisce invece alla stampa e alle associazioni interessate, dati sulle uccisioni di animali selvatici all’interno dei parchi naturali. Anche i decreti che consentono gli abbattimenti di animali in deroga non vengono resi pubblici. In questo modo la provincia di Bolzano tenta di evitare i ricorsi delle associazioni di tutela della natura.

Quella della provincia di Bolzano continua purtroppo ad essere una gestione degli animali selvatici poco trasparente e di parte, che favorisce le richieste di cacciatori e agricoltori, senza considerare che la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato e dovrebbe essere tutelata e gestita nell’interesse di tutta la comunità.

________________________________________________________________________________________

 

 

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Distrutta parte del Parco della stazione di Bolzano per fare posto ad un centro commerciale

89974913_624615998361187_1600903004649684992_nIl Parco della Stazione come si presenta dopo l’abbattimento degli alberi. Foto: Facebook/Tobe Planer

Non sono serviti gli appelli di molti cittadini, partiti politici e associazioni a salvare lo storico Parco della Stazione di Bolzano. Per realizzare il progetto Benko, che prevede la costruzione di un centro commerciale, appartamenti e negozi, il 13 marzo di quest’anno, in piena emergenza Coronavirus, sono stati abbattuti gli alberi. Sacrificati per dar luogo all’edificazione del cantiere con la promessa della “riqualificazione” dell’area.

Proteste Parco StazioneCittadini e associazioni hanno organizzato negli anni proteste per evitare la distruzione del parco. Foto: Facebook/Marialaura Lorenzini

Il Parco della Stazione è il più antico parco pubblico del capoluogo. Dopo la realizzazione della stazione (la sua prima costruzione precede l’unità d’Italia) si pensò di creare un congiungimento “verde” tra la ferrovia e Piazza Walther  mediante un viale alberato.

Dal 13 marzo di quest’anno quella parte di parco non esiste più, verrà sostituita dagli edifici commerciali e turistici del progetto Benko.

____________________________________________________________________________________________

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Al via la campagna europea per salvare api e agricoltori

schermata_2019_11_25_alle_11_54_28.png

Parte oggi ufficialmente la raccolta firme per una nuova Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) finalizzata ad eliminare gradualmente i pesticidi sintetici entro il 2035, sostenere gli agricoltori e salvare la natura. Il WWF Italia aderisce a questa iniziativa e parteciperà attivamene alla raccolta delle firme, nei prossimi 11 mesi, per chiedere anche nel nostro Paese una normativa più severa per l’uso dei pesticidi in agricoltura e in città, a cominciare dalla revisione del Piano di Azione Nazionale per l’uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Se saranno raccolte almeno un milione di firme in sette Paesi membri dell’Unione Europea, entro settembre 2020, la Commissione e il Parlamento UE saranno tenuti a valutare entro tre mesi la possibilità di trasformare le richieste dei cittadini che hanno sottoscritto questa campagna in provvedimenti normativi e, in ogni caso, dovrà giustificare la sua decisione.

 La campagna dal titolo “Salviamo le Api! Protezione della biodiversità e miglioramento degli habitat degli insetti in Europa”. è promossa da una coalizione di 90 organizzazioni in 17 diversi paesi europei, con il supporto delle Associazioni degli agricoltori biologici. Queste Associazioni chiedono alla Commissione Europea di “adottare una legislazione più efficace per preservare e migliorare gli habitat degli insetti in quanto indicatori di un ambiente incontaminato”.

Questa Iniziativa dei Cittadini Europei (ICE) invita la Commissione europea a presentare proposte legislative finalizzate a:

  1. Ridurre gradualmente ed eliminare i pesticidi di sintesieliminare gradualmente l’80% delle sostanze chimiche di sintesi nell’agricoltura europea entro il 2030, a cominciare dai più pericolosi, affinché l’agricoltura diventi libera al 100% dai pesticidi entro il 2035.
  2. Ridare spazio alla natura e fermare la perdita di biodiversità: ripristinare gli ecosistemi naturali nelle zone agricole affinché l’agricoltura diventi un fattore di recupero e non la principale causa della perdita di biodiversità in Europa.
  3. Sostenere gli agricoltori nella transizione ecologica del settore primario: riformare la Politica Agricola Comune dando priorità all’agricoltura su piccola scala, diversificata e sostenibile, promuovendo un rapido aumento delle pratiche agroecologiche e biologiche, la formazione e la ricerca scientifica indipendente per una agricoltura senza pesticidi e OGM.

Il materiale informativo della campagna:

FOLDER italienisch-1

FOLDER deutsch

____________________________________________________________________________________________

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Api morte a causa dei pesticidi, il triste primato è dell’Alto Adige

csm_Fotolia_106416511_Subscription_Monthly_L_Zuschnitt_548c95f4ae.jpg

L’Annuario dei dati ambientali ISPRA anno 2018, relativo ai settori agricoltura e selvicoltura, riporta i dati delle morie di api dovute ai pesticidi nel periodo 2015 – 2017.

Nella pubblicazione vengono messi in relazione i fenomeni di moria delle api registrate sul territorio nazionale con il rinvenimento di principi attivi di prodotti fitosanitari in matrici apistiche, confermati da laboratori di analisi preposti e riconosciuti dalla normativa.

Lo scopo della raccolta dati è quello di individuare l’entità, su scala nazionale, con la quale i principi attivi dei prodotti fitosanitari sono associati a fenomeni di moria nelle api domestiche (Apis mellifera subsp.). Tali dati forniscono informazioni anche sulla diffusione della contaminazione ambientale da fitofarmaci.

Grafico - Casi di moria di api con presenza di principi attivi.jpg

Nel corso del 2017 sono state registrate 124 segnalazioni di mortalità o spopolamenti di alveari, delle quali 50 con presenza di principi attivi rinvenuti nelle api. Queste segnalazioni sono state suddivise per regione (Figura 1.21) e mostrano la presenza dei differenti principi attivi rinvenuti dalle analisi su campioni di api morte.

Nel 2017 la maggioranza dei casi osservati si evidenzia nella provincia autonoma di Bolzano (15), seguita da Valle d’Aosta (8) e Veneto (7). Infine, dall’analisi del trend annuale di morie, si evince che i mesi con maggior numero di casi sono aprile, maggio e giugno, coincidenti con le fioriture primaverili (Figura 1.22). In tali periodi, nei quali è vietato effettuare trattamenti fitosanitari, le api svolgono un intensa attività di bottinamento che le rende maggiormente vulnerabili alla presenza di inquinanti diffusi nell’ambiente, in particolare i fitosanitari nelle aree agricole dopo i trattamenti.

Figura 1.22 - Numero di casi di avvelenamenti con presenza di principi attivi%2c suddivisi per mese.jpg

____________________________________________________________________________________________

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento